Pubblicato il Lascia un commento

IBRIDE PLUG-IN: TUTTO QUELLO CHE C’E’ DA SAPERE

I modelli ibridi plug-in popolano sempre di più i listini delle case automobilistiche.

Il motivo è semplice: grazie alla doppia motorizzazione termica ed elettrica e alla batteria ricaricabile con la spina consentono di percorrere qualche decina di chilometri a corrente. Ciò si traduce in un basso livello di emissioni omologate di anidride carbonica, che consente di bilanciare quello delle vetture tradizionali e abbassare la media su cui, in caso di superamento dei limiti imposti dall’Unione europea, i costruttori devono pagare pesanti sanzioni.

Di fatto, la convenienza delle ibride plug-in dipende da come vengono utilizzate.

Se i percorsi quotidiani sono all’interno dell’autonomia elettrica e si ricarica la batteria tutte le notti si avranno minori costi di esercizio.

Viceversa, nei lunghi viaggi in autostrada, l’apporto dell’elettrico si diluisce e la spesa per il carburante sarà simile a quella di una vettura convenzionale di pari caratteristiche, anche perché nella marcia a velocità pressoché costante l’effetto della rigenerazione dell’energia in decelerazione è assai ridotto; a ciò va aggiunto il costo dell’energia elettrica.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *